lunedì 2 novembre 2015

MATERIALI PER L’ARCHITETTURA E L’INTERIOR DESIGN: a lezione con le aziende leader del settore

POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano e Material ConneXion Italia, il più grande centro internazionale di ricerca e consulenza nell’ambito dei materiali innovativi, insieme per la prima volta con l’obiettivo di formare una nuova generazione di professionisti aggiornati con competenze specifiche sui materiali e sui loro processi di lavorazione.

A supporto dell’iniziativa, i nomi delle principali realtà del settore: Canobbio Textile Engineering, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di architetture tessili, Danzer Italia, gruppo attivo nella trasformazione del legno e specializzato nella produzione di superfici decorative in vero legno e hardwood, Gobbetto, realtà di riferimento per i pavimenti in resina e la realizzazione di superfici e sfondi ad alto contenuto tecnologico, i.lab Italcementi, Centro Ricerca e Innovazione di Italcementi, Margraf, Industria Marmi Vicentini, leader nel reperimento e nella lavorazione di pietre naturali, Merck, la cui Divisione Chemicals opera nel il settore Visual Communication (Cristalli Liquidi) e nel settore dei pigmenti e degli additivi per la stampa, per le materie plastiche e i rivestimenti e Slate-skin, azienda del settore lapideo.
Questo il pool di aziende che ha già confermato la propria collaborazione alla didattica del corso, garantendo a tutti i partecipanti una relazione costante con le realtà operanti nel settore, anche attraverso visite guidate e presentazioni presso show room, centri ricerca, aziende e studi di progettazione.
Il Corso, inoltre, vanta la media partnership di Infobuild, portale web dedicato ai temi dell’edilizia e dell’architettura.

La scelta e l’utilizzo di materiali innovativi può a tutti gli effetti determinare il successo di un’impresa.
Questa consapevolezza ha determinato un investimento di risorse sempre più ingenti nell’innovazione dei materiali e dei processi produttivi, con l’obiettivo di approdare a soluzioni progettuali inedite che permettano di far fronte alle esigenze di un mercato che, in una situazione economica come quella attuale, è caratterizzato a livello globale da una competizione commerciale e tecnica sempre più agguerrita. Una tendenza, questa, che si riflette evidentemente anche nell’ambito dell’architettura e della progettazione di spazi dove l’utilizzo di materiali specifici determina sempre più spesso il valore aggiunto e le qualità sostanziali di strutture, superfici e spazi, contribuendo a definire l’identità di un progetto d’interno o architettonico.

E’ in questo contesto che si inserisce il nuovo progetto formativo di POLI.design e Material ConneXion Italia: “Il corso fornisce un aggiornamento su quelle che sono le soluzioni più innovative e attuali nell’ambito dei materiali utili al settore delle costruzioni, dell’architettura e dell’interior design”, spiega Christian Tubito (Material ConneXion Italia), direttore del corso con Alessandro Villa (POLI.design), che aggiunge: “Esiste un numero di materiali pressoché infinito e ogni mese si presentano sul mercato delle novità: obiettivo del corso è rendere queste novità disponibili e applicabili al progetto. Per questo motivo, oltre a essere un corso sui materiali, il nostro è anche un corso sulla progettazione con i materiali, quindi si studieranno anche gli aspetti culturali ed espressivi nella scelta di un materiale e non solo le sue performance”.

Il percorso formativo si articola in 15 giornate d’aula che si terranno presso la sede di Material ConneXion Italia: attraverso un mix di lezioni teoriche, interventi di esperti e consulenti del settore, testimonianze di progettisti e casi studio, verranno analizzate le condizioni d’impiego (contesto, ambiente, luce), le caratteristiche tecniche, le lavorazioni e i trattamenti delle soluzioni materiche.

I cinque moduli didattici che costituiscono il corso toccheranno le grandi tematiche legate alle diverse categorie materiche: dai materiali tradizionali, come la pietra e il legno, ai materiali trasparenti e alla loro tendenza alla “smaterializzazione”, dall’uso del colore su pellicole e superfici ai materiali più leggeri e alle texture; un approfondimento sarà, infine, dedicato ai materiali green e sostenibili.

Elemento di continuità tra queste cinque aree tematiche sarà costituito dal project work, che fornirà ai partecipanti la possibilità di entrare in una dimensione più pratica, permettendo loro di applicare le conoscenze acquisite a un progetto di loro particolare interesse.

Gli studenti saranno inoltre incoraggiati a sviluppare capacità autonome di indagine e sperimentazione di una vasta gamma di materiali nel progetto, grazie anche all’opportunità di consultare la library di Material ConneXion, che raccoglie più di 7.000 materiali e processi.

Il corso è rivolto a designer, architetti, ingegneri civili e professionisti nel settore della progettazione degli spazi. L’ammissione al corso è subordinata a una selezione preventiva.

Per informazioni sulla didattica e sulle modalità di iscrizione, si prega di contattare l’Ufficio Coordinamento Formazione di POLI.design: formazione@polidesign.net – tel. +39 02 2399 5864.


Per informazioni
Ufficio Coordinamento Formazione
POLI.design (Consorzio del Politecnico di Milano)
via Durando 38/A - V Piano - 20158 Milano
tel. (+39) 02.2399.5864
e-mail: formazione@polidesign.net
www.polidesign.net/it/materiali

Press Contact:
Ufficio Comunicazione POLI.design
Tel. (+39) 02.2399.7201
comunicazione@polidesign.net

Materiali per l’Architettura e l’Interior Design

DOVE ACQUISTARE LA RESINA PER PAVIMENTI?

La resina per pavimenti è possibile acquistarla  presso qualsiasi rivenditore specializzato.

Esistono molte ditte che sono presenti su territorio italiano e altrettante metodologie di lavorazione compongono la formulazione di prezzi svariati.

Il prezzo della resina per pavimenti varia a seconda di diversi fattori:

1) la ditta specializzata alla quale ci si rivolge.
2) La professionalità dell'azienda e i suoi metodi di lavorazione

Una buona ditta, infatti, terrà conto, principalmente, delle condizioni della superficie che bisognerà ricoprire con la resina, l'eventuale presenza di crepe, di dossi e, chiaramente, anche delle dimensioni del pavimento.

Pavimentazione in resina abbinata con il parquet (Pavimentazione in resina abbinata con parquet) Anche all'interno del web è possibile trovare una vasta gamma di scelta tra aziende di qualsiasi livello, in grado di guidare il cliente anche nella scelta della messa in posa più adatta alle esigenze. Indispensabile risulta richiedere sempre un preventivo, al fine di rendersi conto della spesa che si andrà ad affrontare, così da adattare le proprie richieste al budget a disposizione. Qualora si scegliesse di procedere con le tecniche fai da te, sarà sufficiente comperare tutto l'occorrente, seguire le istruzioni riportate sulla confezione e, qualora fosse necessario, leggere qualche guida al riguardo.o la cucina.

Per risolvere il  problema è possibile procedere con una tecnica precisa: aggiungendo delle sostanze granulose all'impasto di resina, al fine di rendere la superficie più ruvida, dunque antiscivolo e molto più sicura. La presenza di questi granuli, tuttavia, riduce le prestazioni di impermeabilità. Scegliere una buona pavimentazione, dunque, consiste nel valutare attentamente tutti i fattori essenziali, al fine di rendere la superficie più idonea alle proprie esigenze e a quelle richieste dall'ambiente.  alto spessore, sono altri fattori che incidono nella formulazione del prezzo complessivo.

Si potrebbe iniziare col dire che le pavimentazioni in resina su superfici al di sotto di 50 mq, costituiscono una scelta economicamente poco vantaggiosa. Inoltre, i prezzi troppo bassi che solitamente si trovano sul web, prescindono dal considerare il costo della manodopera e della lavorazione del supporto. Pavimento in resina (Pavimetno in resina) Stabilire il costo di una pavimentazione in resina, dunque, è molto rischioso, poiché ogni azienda e ogni caso specifico andrebbe valutato singolarmente, tuttavia è possibile fornire delle indicazioni generiche sul prezzo al mq stimato per la resina per pavimenti. Considerando un sottofondo integro, privo di qualsiasi difformità, si può considerare 40€ il prezzo minimo al mq della resina per pavimenti, nel caso in cui si scelga una pavimentazione monocromatica con 2mm di spessore, il costo lievita a 130€, invece, quando si intenda installare mosaici, inserti particolari, come anche decorazioni personalissime. A queste cifre bisogna aggiungere il costo della manodopera e, eventualmente, quello della lavorazione del sottofondo.

domenica 1 novembre 2015

QUANTO COSTA UN PAVIMENTO IN RESINA?

Un PAVIMENTO IN RESINA può essere scelto quale pavimentazione originale, ma rappresenta anche una soluzione funzionale ed economica per la costruzione di un NUOVO PAVIMENTO su un pavimento esistente, al fine di risolvere problemi di deterioramento o a fronte dell'esigenza di un rinnovo estetico dell'ambiente. 

Tuttavia una delle domande di fronte alla realizzazione è quanto costa un pavimento in resina?

Dare una risposta senza avere una idea dei locali che si dovranno realizzare è molto difficile perché i parametri che concorrono al costo di posatura sono tanti: ad esempio le dimensioni (i costi per metro quadro diminuiscono all'aumentare della superficie) e  i requisiti tecnici ed estetici richiesti, solo per fare un esempio.

Il costo dipende infatti soprattutto dal tipo di lavorazione e finitura e diventa abbastanza difficile stabilire dei "prezzi di massima" se non si conosce l'utilizzo finale (i materiali variano in funzione alla destinazione d’uso).

Però è anche molto facile stabilire dei costi quando si conoscono le destinazioni d'uso.

La cosa migliore è prendere contatto con un  tecnico di una azienda che i pavimenti in resina li realizza, come  ErreLAB, che potrà così rispondere alle nostre domande ed eseguire un calcolo di massima dei costi finali su qualsiasi superficie e metratura.

giovedì 31 ottobre 2013

ELENA CATTANEO È "STEM CELL PERSON OF THE YEAR 2013"

Il premio “Stem Cell Person of the Year”, promosso dal Knoepfler Lab dell'Università della California, è stato assegnato per il 2013 a Elena Cattaneo, ricercatrice italiana nominata a settembre senatrice a vita per i suoi meriti scientifici.

Il premio, istituito lo scorso anno dal ricercatore/blogger Paul Knoepfler, intende fornire un riconoscimento a quanti operano con passione e competenze d’eccellenza allo studio delle cellule staminali.

Elena Cattaneo è Direttore del Centro di Ricerca sulle Cellule Staminali - UniStem dell'Università degli Studi di Milano e molti dei suoi studi sono dedicati alla comprensione della malattia di Huntington, una patologia che comporta la progressiva perdita di neuroni e con essa di molte capacità motorie e cognitive.

Nel messaggio di congratulazioni pubblicato sul blog, Knoepfler definisce Elena Cattaneo come “una vera donna del Rinascimento scientifico”, evidenziandone non solo i meriti scientifici, ma anche il ruolo attivo che ha svolto e continua a svolgere in difesa della scienza e dell'etica della scienza.

Fonte: Knoepfler Lab

Via: Gravità Zero,  giornalismo scientifico, bpr

venerdì 30 agosto 2013

4 NUOVI SENATORI A VITA DAL MONDO DELLA SCIENZA E DELLA CULTURA

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha nominato oggi - si legge in una nota del Colle - senatori a vita, "ai sensi dell'articolo 59, secondo comma, della Costituzione", il maestro Claudio Abbado, la professoressa Elena Cattaneo, l'architetto Renzo Piano e il professor Carlo Rubbia (premio Nobel per la Fisica), per altissimi meriti nel campo scientifico, artistico e sociale.


I decreti - si aggiunge - sono stati controfirmati dal Presidente del Consiglio dei ministri, onorevole Enrico Letta. Il Presidente Napolitano ha informato delle nomine il Presidente del Senato della Repubblica, senatore Pietro Grasso.

Su Il Post le schede dei 4 senatori a vita nominati oggi.

Qui un articolo su Elena Cattaneo di Corriere Università 

Fonte: Gravità Zero 

domenica 26 maggio 2013

HOTEL VICINO A JUVENTUS STADIUM TORINO


Lo Juventus Stadium, inaugurato l’8 settembre 2011, sorge nell’area Continassa ed è un impianto all’avanguardia nel panorama italiano. I suoi 41.000 posti, di cui 3.600 Premium, garantiscono un’ottima visibilità in tutti i settori e i servizi offerti ai diversi target di utenti, sono di primo livello.


Lo stadio accoglie i tifosi non solo durante le partite, ma anche durante gli altri giorni della settimana, grazie agli Juventus Stadium Tour, le visite guidate che permettono di visitare l’impianto e di scoprirne i luoghi più inaccessibili.

A fianco dello Juventus Stadium, sorge il centro commerciale Area 12, frutto dell’accordo con Nordi Conad. All’interno dell’impianto, sul lato est, sarà ospitato il museo della Juventus a la società edificherà nella zona anche la propria sede, una serie di campi sportivi destinati alle Juventus Soccer Schools e aree verdi. L’area riqualificata sarà in totale di 200.000 mq.

Per tutte le informazioni sull’acquisto dei biglietticlicca qui 

Per scoprire le meraviglie dello Juventus Premium Clubclicca qui

Per prenotare la tua visita guidata dello Juventus Stadium, clicca qui 

Per un hotel economico vicino allo Juventus StadiumHotel Dropiluc 

giovedì 25 aprile 2013

FARE BUSINESS E GUADAGNARE CON I BLOG

I blog si stanno rivelando dunque uno strumento di business molto efficace per i professionisti, artigiani e le imprese: una chiave per sopravvivere alla recessione attraverso due operazioni di immagine: le relazioni e la fiducia, canali attraverso cui stabilire un contatto diretto con il proprio target, invitando i clienti ad esprimere i loro commenti su quanto l'azienda stessa ha da proporre.

Anche un professionista dell'Interior Design, ad esempio,  con un blog, può migliorare la propria attività e attirare più clienti con un blog aggiornato con costanza e metodo.   


Internet per l'artigianato e la piccola impresa:
il web a misura di Pmi per fare business in sicurezza_
Claudio Pasqua
from B com Expo


Il web marketing di impresa è stato il tema al workshop del 19 aprile 2013 al B com Expo, Lingotto Fiere di Torino  "Internet per l'artigianato e la piccola impresa: il web a misura di Pmi per fare business in sicurezza", guida pratica e gratuita alle aziende che non sfruttano le potenzialità di internet.

Vitaliano Alessio Stefanoni, Responsabile CNA Comunicazione e Terziaro Avanzato ha presentato la guida (gratuita) rivolta ad artigiani ed imprese con i suoi tre autori: Giuseppe Izzinosa, Luciano Corino, Claudio Pasqua.


sabato 30 marzo 2013

FLORIDA: ALLA NASA GLI UCCELLINI SI SONO ARRABBIATI


Uno stormo di uccellini molto arrabbiati è atterrato al Kennedy Space Visitor Complex Center a Orlando, in Florida, dove la nuova attrazione degli "Angry Birds" incontra le preferenze dei turisti presenti in Florida dal 22 marzo scorso. Ce lo segnala la testata online Gravità Zero

I visitatori possono scontrarsi faccia a faccia con gli Angry Birds  spaziali, tra cui Super Red, Lazer Bird, Space Bomb e l'Incredible Terence, e sapere cosa è capitato alle loro uova scomparse in un inter-galattico wormhole, incontrando i verdi maiali dello spazio e scoprire i loro superpoteri, il tutto imparando a conoscere la matematica, la scienza, ingegneria e tecnologia.



sabato 2 marzo 2013

YORKER UNIVERSITY: CORSI IN DISTANCE LEARNING

... tra le Open University che da oltre 10 anni offre orsi di studio asincroni e in distance learning

L'esperienza di migliaia di studenti che, per motivi diversi (chi per lavoro, chi per difficoltà fisiche) all'università dopo la scuola dell'obbligo ricalca l'importanza delle "open university" come la "Yorker University che offrono la possibilità di seguire i corsi in distance learning attraverso piattaforme web e consentire a chiunque di seguire i corsi in modo asincrono da casa o dall'ufficio.

Giacomo, uno degli alunni già iscritto ai corsi, dice:

"Ho trovato molte difficoltà a continuare a tempo pieno a studiare all'Università, volevo essere indipendente e così ho lasciato il mio posto universitario e cercato un lavoro nel settore delle costruzioni."

"Ho avuto la fortuna di atterrare il mio lavoro come designer in una società di costruzioni specializzata nelle facciate all'esterno degli edifici. Ora sono qui da sette anni e contemporaneamente mi sono iscritto a una università telematica, una open university che non obbliga alla frequenza"

"I miei datori di lavoro mi hanno offerto di sponsorizzare i miei studi perottenere un certificato di studi superiore"



Molti cosi' hanno trovato il modo migliore per ottenere il diploma che desideravano anche con impegni di lavoro o familiari o di salute e costruire una carriera ... studiando con le Open University, evitando di tra l'altro le alte tasse universitarie tipiche dei paesi USA.



Dopo aver contattato alcuni istituti che offrivano corsi on-line, Giacomo scoprì che poteva studiare part-time ottenendo un titolo di studio senza frequenza obbligatoria. Era felice quando i suoi datori di lavoro hanno deciso di sponsorizzare i suoi studi.

"Il mio più grande problema è stato decidere esattamente quello che volevo fare", dice. "C'erano tutti i tipi di moduli tra cui scegliere."

"Il corso è principalmente on-line, anche se ho incontrato il mio insegnante una volta al mese e ci sono stati alcuni tutorial sera nei collegi locali e nelle scuole. Che è stata una esperienza buona, perché ho avuto modo di incontrare altre persone che fanno lo stesso modulo di corso, scambiando esperienze"

"Ho iniziato nel 2006, all'età di 24 anni, e ho dovuto essere molto attento a organizzare lavoro e studio. Devo ammettere che ci sono state alcunesere dei weekend in cui ho dovuto faticare molto per trovare la forza mentale di studiare. Ma sono davvero felice di aver perseguito questo obiettivo perché ora sono una persona molto . "

Giacomo dice che l'azienda in cui lavora lo ha sempre aiutato molto. "Mi hanno permesso di trascorrere un giorno alla settimana a studiare in ufficio,senza distrazioni.

"Ho passato quattro anni a studiare, ed è stato bellissimo quando ho partecipato alla cerimonia di consegna degli attesati, circondato da altre persone che come me avevano impegnato molto del loro tempo per perseguire questo obiettivo".

Il corso Open University è stato fondamentale anche per la sua carriera.

"Mi piace molto il mio attuale lavoro," dice. "Ma in futuro mi hanno la possibilità di diventare direttore di stabilimento, e dunque gli studi mi hanno aiutato molto in questo"

A chiunque voglia studiare con la Open University, Giacomo offre questo consiglio: "Non dovete scoraggiarvi alle prime difficoltà, perché nulla è impossibile se davvero lo desiderate. La cosa importante è scegliere il corso e fare ciò che davvero vi piace. "

domenica 24 febbraio 2013

HO PROVATO I GOOGLE GLASS

Se ne parla su Gravità Zero. Sono il prodotto più interessante dell'anno, anche se sono pochi coloro che hanno potuto provarli. Interessante leggere tra i commenti come venga percepito il progetto di occhiali a realtà aumentata di Google e di come potrebbe diventare: pensiamo ad esempio a una App per i non vedenti.
Il device potrebbe ad esempio individuare gli ostacoli e metterci in guardia per evitarli. Con il GPS potremmo ottenere informazioni  sulla nostra posizione e indicazioni su percorsi e luoghi geografici e, perché no, commerciali.
Crediamo che il progetto crescerà rendendo possibile osservare il mondo in modo completamente diverso.
Joshua Topolsky lo racconta in questo video e in questo articolo su The Verge.


The Verge crede che gli occhiali saranno disponibili prima del 2014, ovvero già da quest’anno.
Noi crediamo che il progetto Glass sia tra i più promettenti di Google, dotato di potenzialità ancora inesplorate. Pensiamo come questi oggetti potrebbero interagire con la realtà quotidiana e dialogare con i device più comuni (iPhone, tablet, ecc),  con Google Map e con i social network più popolari, nonché,  attraverso reti WiFi,  utilizzare realtà di calcolo ancora più potenti in rete, per elaborare e trasformare i big data. 

sabato 16 febbraio 2013

LE OPEN UNIVERSITY: UN AIUTO PER CHI NON HA LAVORO

Da tempo chi è senza lavoto ha più opportunità di aumentare le proprie prospettive di carriera se   intraprendono un corso on-line presso una delle Open University (OU) del proprio territorio.

Persone di 40-45 anni che cercano un nuovo stimolo e una nuova attività cercando di aumentare le proprie potenzialità sul mercato.


E' quanto sta avvenendo sul mercato anglosassone, ma è sempre più facile trovare persone che tornano sui banchi di scuola anche nel nostro paese, soprattutto perché la crisi che sta attraversando l'Europa non consentono di trovare con facilità un impiego. Piuttosto che rimanere con le mani in mano, è opportuno impiegare il proprio tempo cercando di migliorare le proprie prospettive di impego. Tanto più che alcuni di questi corsi possono essere seguiti online ed sempre più facile trovare delle opportunità formative gratuite.

Per tutti coloro che sperano di trasformare la loro vita migliorando la propria opportunità potrebbero  valutare di iscriversi a uno dei corsi di apprendimento online delle Open University:  "In tempo di crisi  se il lavoro non c'è bisogna per forza inventarselo" è il motto ad esempio della
Yorker University.

Tanto più che con i moduli online non è neppure necessario recarsi presso una città in cui tale istituzione è presente, cosa molto utile per esempio per abbattere i costi di spostamento.
 
Moduli per l'accesso e di aggiornamento formativo sono progettati appositamente  per favorire il reinse
rimento nella formazione scolastica anche a chi l'ha abandonata da anni e farli crescere allo stesso livello di quelli a livello universitario, mentre le risorse remote educative significa che si può studiare al proprio ritmo e il lavoro dalla comodità della propria casa.

Ma anche a chi è già occupato o alle imprese possono essere utili i corsi di  formazione on-line, per esempio come benefit per i propri dipendenti.  


Chi ha 40-45 anni potrebbe avere necessità di aggiornarsi, tenuto conto che la maggiorparte dei dipendendi sono lontani dai libri di scuola da almeno 20-30 anni.  E questo non è salutare, dato che il grado con cui evolve la tecnologia e il modo di comunicare è visibile in pochi anni e non certo in decenni. 

giovedì 14 febbraio 2013

L'ASTEROIDE CHE SFIORERA' LA TERRA

Immagine NASA 
Tutti pronti per il  passaggio ravvicinato dell'asteroide 2012 DA14, un corpo celeste del tipo NEAR EARTH di circa 45 metri di diametro e una massa stimata di circa 130.000 tonnellate, che si avvicinerà alla Terra  proprio oggi,  15 febbraio 2013 (alle ore 20,43 ora italiana il massimo avvicinamento al pianeta).

 Si tratta di un asteroide da record, in quanto, da quando iniziarono le indagini regolari su questi corpi, non era mai successo che un oggetto di queste dimensioni si avvicinasse così tanto al nostro pianeta.

  C'E' PERICOLO CHE L'ASTEROIDE COLPISCA LA TERRA?

Potete continuare a leggere la risposta su Gravità Zero - divulgazione scientifica